190 – La Montmartre degli Impressionisti

MontmartreNel secondo giorno della mia inaspettata visita parigina, siamo stati a Montmartre, un quartiere che ho amato molto in passato per la sua storia d’arte e trasgressione, ma che ho sempre percepito come troppo finto, turistico, costruito per rispondere ad aspettative precise. Come le tovaglie a quadretti rossi nei ristoranti di Trastevere.
Così, stavolta come sempre, la sensazione è stata di amore e odio, fascino e fastidio.

Nonostante questo, se qualcuno mi chiedesse un posto da visitare assolutamente a Parigi, risponderei senza dubbio Montmartre. Perché in questi vicoli stretti arroccati sulla collina più alta della città, tra queste case antiche, si sono consumate alcune delle più belle e produttive esperienze artistiche del mondo e qui hanno visto la luce alcuni dei quadri che maggiormente hanno influenzato e plasmato la storia dell’arte.

Durante questa visita guidata del quartiere, ho avuto la fortuna di accedere a zone normalmente chiuse al pubblico e che, naturalmente, in passato non avevo avuto modo di visitare, e di poter completare il quadro della mia conoscenza del periodo con curiosi aneddoti e interessanti dettagli.
Sebbene, dunque, sia epidermicamente contraria alle visite guidate, qui consiglio vivamente il supporto di una guida. Da inondare di domande come ho fatto io con la mia.
Continua a leggere

189 – Ritorno a Pigalle

Moulin Rouge - ParigiEra una mattina gelida di inverno quando visitai Pigalle per la prima volta. Non ricordo l’anno. Poteva essere dicembre 1997 o 1998.
Faceva freddo a Parigi e il cielo era bianco, ovattato.
Erano gli anni in cui studiavo storia dell’arte all’Università, leggevo Sartre e Simone de Beauuvoir, mi ispiravo a Baudelaire e Rimbaud ed ero follemente innamorata dei pittori maledetti che vivevano a Montmartre nell’Ottocento.
Parigi in quegli anni era per me il completamento di un percorso formativo. La realizzazione di un sogno. New York e tutto quello che New York è diventata poi era lontanissimo allora. Parigi era il mito assoluto.
Io ero giovane, ingenua, piena di sogni e ideali, infreddolita, esaltata.
Pigalle non era niente di che se non il percorso conclusivo della visita a Montmartre, la turistica e “finta” Montmartre, che pure a me aveva riempito il cuore di immagini, storie, rappresentazioni. Per la visita di Pigalle un paio di ore sarebbero state sufficienti.
Qualche foto al Moulin Rouge, un’esplorazione veloce del quartiere, le foto alla fermata della metro in Place Pigalle e via.
Pigalle - Parigi

La seconda volta che mi sono ritrovata a passare di fronte al Moulin Rouge era la notte di capodanno. Anche in questo caso non ricordo l’anno, probabilmente il 1998. Ricordo, però, che non faceva eccessivamente freddo e io avevo una gonna cortissima e un paio di scarpe con i tacchi. Non tacchi veri. Una specie di tacchetto sufficiente, però, a mettere in crisi una abituata a portare solo Dc Martens e All Star.
La metropolitana era bloccata e così eravamo venuti a piedi da Place de la Concorde a Pigalle per cercare non so che centro sociale, un posto assurdo dentro a un vecchio ospedale abbandonato di cui ci avevano parlato due punkabbestia (si chiamavano così all’epoca) conosciuti la mattina precedente nel Quartiere Latino.
Per me quello era l’anno dei Sotteranei di Parigi e avevo passato l’intero soggiorno a cercare tracce intorno ai tombini che mi rivelassero la presenza di una via di accesso per il mondo sepolto. Erano gli anni del mistero, di ciò che non si vede, dei percorsi non turistici. A quel punto a Parigi ero stata già diverse volte e avevo voglia di conoscerne un volto nuovo, sconosciuto.
Continua a leggere