219 – San Pedro de Atacama: le strade più battute e quelle inesplorate

San Pedro de AtacamaA San Pedro de Atacama, 5000 anime che vivono in graziose casette di Adobe a 2407 metri sul livello del mare, si respira un’atmosfera internazionale, vagamente freak con qualche punta new age.
Nelle poche vie che la attraversano si susseguono alberghi e hostal di tendenza, ristoranti e locali che non sfigurerebbero a New York o Londra, agenzie di viaggio, negozi di souvenir, banche. Per le strade polverose scaldate dal sole del deserto e illuminate dalle stelle delle notti limpide, passeggia una folla colorata, variegata, sporca e affascinante.
Tutti gli alternativi del continente (forse non solo quello sudamericano) si danno appuntamento qui.
Vengono per perdersi nei deserti misteriosi, per guardare il cielo, per praticare sand boarding, per sentirsi diversi.

A San Pedro de Atacama, cielo color cobalto, stelle come lucine di Natale, sole che brucia sulla pelle e profuma di abbronzatura, polvere tra i capelli, ci siamo fermati 4 giorni. 4 giorni intensi di tour, escursioni, chilometri macinati su strade asfaltate e non (tante non), vino rosso, grigliate di carne, purè di patate.
Superato lo stupore iniziale della folla per strada, della confusione, delle macchine parcheggiate ovunque, dei ristoranti pieni zeppi, a San Pedro de Atacama ho lasciato un pezzettino di cuore. Quello che ama i contrasti accesi delle cose, il vento che penetra nelle ossa, il cielo trasparente e la luna sempre visibile.

A San Pedro de Atacama ci si può fermare due giorni o dieci. Non si riuscirà mai, davvero, a vedere tutto.
Di seguito l’elenco delle cose che ho visto io. Per ciascuna località ho aggiunto delle stellette a indicare la mia personale classifica delle escursioni che meritano assolutamente e di quelle che, invece, si possono tranquillamente evitare.
Continua a leggere

218 – Chi ha paura dei fantasmi?

Panamericana - Da Arica a IquiqueLa Route 5 è la Panamericana. Già il nome evoca tutto un armamentario di ricordi, miti adolescenziali, letture del tempo che fu, sogni giovanili, contestazioni e lotte.
Per me viaggiare significa soprattutto prendere strade. Percorrerle tutte. Attraversare regioni e distretti. Impossessarmi del Paese a botte di chilometri sulle gomme. Se posso, evito i voli interni, anche se consentono di risparmiare tempo. Se posso, evito le strade principali, anche se sono più veloci.
Se posso, percorro le strade della mia fantasia. Quelle che, in qualche modo, mi hanno portato a scegliere un Paese anziché un altro.
La Panamericana – 27.750 km di strada lungo tutta la costa pacifica del Continente Americano – per me è tutto questo. Un po’ come la Route 66 negli Stati Uniti. O la Via della Seta in Oriente, che prima o poi mi deciderò a imboccare.

Da Arica a Iquique (309 km per un totale, presunto, di 3 ore e 41 minuti di viaggio), la Route 5 è un susseguirsi di paesaggi lunari privi di vita. Le macchine e i camion che si incontrano sono pochi. Niente case lungo il percorso. Niente piante, alberi, campi seminati. Nessuna forma di vita. Solo la strada, il cielo cobalto e trasparente e il soffiare continuo del vento. Ogni tanto, sul ciglio, dei piccoli altarini decorati in memoria di qualcuno che su quel tratto ha perso la vita.
Fine. La Panamericana. 300 km di niente.

Subito dopo il bivio che collega la Route 5 alla Route 16 che porta a Iquique, però, si incontra un cartello marrone, di quelli che invitano a fermarmi per visitare qualcosa: Officina Humberstone e Santa Laura.
E’ lì che siamo diretti. E’ lì che vogliamo andare.
Accettiamo il suggerimento. Deviamo. Andiamo a visitare le due minuscole ghostown abbandonate nella terra del nulla.
Di seguito il racconto, soprattutto fotografico, di quello che abbiamo visto.
Continua a leggere

217 – Un hotel sull’Oceano

Oceano Pacifico - AricaDall’Hotel Apachete di Arica, venti chilometri, più o meno, dal confine con il Perù, l’Oceano si sente. Non solo se ne sente il fragore quando si infrange contro le rocce, ma lo si sente appiccicato addosso mentre si fa colazione e attaccato alle narici quando si esce dalla stanza.
E’ un mare imponente e schiumoso, che affascina e mette paura.
Rimango a fissarlo. A fissare i temerari che alle sette del mattino, in mezzo a quella che a me sembra una burrasca ma che forse qui è la normalità, escono con le tavole; a fissare la schiuma bianca che arriva e si ritira sbattendo contro le cose; a guardare gli uccelli neri che impassibili continuano la loro pesca sulle rocce, come se nulla fosse.
Continua a leggere

216 – Del lago a 4600 metri, delle popolazioni aymara e di noi

PutrePutre è il centro Aymara più grande della zona, nonché porta d’accesso per il Parque Nacional Lauca, motivo della nostra permanenza qui prima che io capissi che a interessarmi davvero era la gente che vive da queste parti, più ancora dei lama e dello spettacolo della natura.
Ricardo, un ragazzo argentino giramondo che da qualche mese gestisce l’Hostal Pachamama in cui abbiamo dormito per due notti, ci ha spiegato che gli ayamara sono i più chiusi tra i popoli inca, talmente chiusi da non vedere di buon occhio né i turisti che invadono le loro terre né gli stranieri che capitano da queste parti per lavoro.
Forse per questo, diceva, le loro tradizioni sono le più radicate e il loro mondo quello rimasto più autentico e vicino agli antichi valori.
Donne Aymara nella piazza centrale di Putre Continua a leggere

215 – Tuvieron suerte!

AricaAd Arica il cielo è azzurro. C’è vento e il sole caldo. Scotta sui jeans scuri e la giacca nera. L’aeroporto sorge in mezzo al nulla. Un nulla vero di sabbia bianca e oceano.
Qui sbarcano famiglie con bambini al loro primo volo, turisti (pochi) in visita ai deserti del Nord e surfisti biondi con tavole enormi al posto della valigia.
Parlano spagnolo. Sono locali. O comunque sudamericani. Ma potrebbero essere californiani. O australiani. Per il look, il modo di fare e il cipiglio.
Penso all’infinita costa pacifica. Accomunata, da Nord a Sud in tutte le Americhe, da un solo obiettivo: cavalcare l’onda perfetta. Basta così poco per unire il mondo.

Oggi siamo diretti a
Putre. Si trova a 129 chilometri a est di Arica. In 129 chilometri si passa da 0 a 3600 metri sopra il livello del mare.È inevitabile che tutti qui sappiano cos’è il mal di montagna, che da queste parti si chiama “puno” (o qualcosa del genere), e come vada affrontato.Noi non ci pensiamo. Io, per lo meno, cerco di non pensarci. Bevo litri d’acqua e mi lascio assorbire dal paesaggio che ho intorno.Con la nostra macchina noleggiata all’aeroporto di Arica ci arrampichiamo pian piano su per l’altipiano lungo la Route 11 che porta in Bolivia.

Route 11 - Da Arica verso Putre

In meno di mezz’ora ci ritroviamo a 1000 metri. E poi sempre più su. In un paesaggio prima accecante di beige sabbia e poi sempre più lunare.
Talmente silenzioso, immobile e vuoto da togliere il fiato. Anche più del mal di montagna.
Sono affascinata. Continuo a scattare foto. Ma nessuna di queste rende davvero il senso di quello che sto vedendo. E pensando.
Continua a leggere