227 – Ultime da Edimburgo. E dopo è Natale!

Autunno a EdimburgoQuanti giorni occorrono per visitare una città come Edimburgo?
Probabilmente, ad andare veloce, in due giorni si riescono a vedere le principali attrazioni turistiche e i monumenti più famosi.
Ma per entrarci dentro, per provare a conoscerla davvero, i 4 che abbiamo avuto a disposizione non sono sufficienti.
Edimburgo è una di quelle città che va scoperte con calma, scivolando tra le vecchie pietre delle case di Old Town o vagando senza meta per i grandi viali di New Town; perdendosi a Stockbridge o Leith e passeggiando con calma nella fiaba del Dean Village.
È una città fatta per oziare nei pub e scaldarsi nelle tea room. Leggere nelle caffetterie e fare shopping nei negozi stravaganti fuori mano e fuori contesto.

Non ho avuto tempo, in 4 giorni, di fare tutto questo. Ho cercato, per quanto possibile, di assorbire ogni cosa, cercando di non farmi sfuggire i dettagli. Ma qualcosa è andato perduto comunque.
Ho scelto gli “esterni” agli “interni” a scapito, purtroppo, di musei e gallerie (alla fine dei conti, tolto il Camera Obscura Museum, non ne abbiamo visti altri).

Ho preferito passeggiare attraverso i quartieri piuttosto che intrupparmi nelle code per le visite canoniche (di quelle “da non perdere” abbiamo fatto solo il Castello).
Ho scelto locali e negozi in cui entrare in base all’ispirazione del momento, attratta da dettagli microscopici (le scritte su una lavagna nera, il parquet sotto al bancone, le luci sopra ai tavoli, la carta da parati in vetrina…) che nulla hanno a che vedere con le segnalazioni sulle guide.
Ho cercato, come spesso mi succede quando sono in un Paese anglofono, di diventare anglofona anche io.

Questo è quello che di Edimburgo abbiamo deciso di visitare e conoscere noi. Rimando ai post precedenti per quanto riguarda ristoranti e tour particolari. E inserisco in fondo un elenco completo di indirizzi e informazioni utili per chi sta organizzando una vacanza da queste parti.

COSA VEDERE

Edinburgh Castle
Castello di EdimburgoIl Castello di Edimburgo domina austero la collinetta di Old Town, perfettamente visibile dal traffico di New Town, grigio e silenzioso nella sua solitudine. Il tour (disponibili audioguide in italiano comprese nel prezzo) è un itinerario di almeno due ore (dipende poi dal livello di approfondimento dedicato ai singoli spazi espositivi) che permette di conoscere da una parte le vicissitudini dell’edificio, dall’altra la storia scozzese, raccontata anche attraverso i piccoli musei militari collocati all’interno che espongono cimeli di guerra. Castello di Edimburgo - Great HallLe parti più interessanti per una come me che non ama molto divise e medaglie sono senz’altro i Royal Apartments, con gli enormi camini e il fascino delle storie legate alla regina Mary Stuart e a suo figlio James, la Great Hall, un enorme salone cerimoniale con il soffitto sostenuto da antiche travi in legno e le prigioni.
Dal Castello, tutti i giorni all’una, viene sparato un colpo di cannone che si sente in tutta la città.
Per chi desidera fermarsi a pranzo all’interno è presenta una caffetteria con ristorante self-service e una graziosa tea room per un tè caldo nel pomeriggio.
Orari e costi:
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 17.00 (alle 18.00 da Aprile a Settembre). Chiuso il 25 e il 26 dicembre e orario ridotto il 1 gennaio
Costo: £17.00 (bambini dai 5 ai 15 anni: £10.20)

Royal Yacht Britannia
Britannia - Edimburgo
Vale la pena visitare il Britannia, il panfilo reale che per oltre 40 anni ha accompagnato la famiglia reale inglese nei suoi viaggi intorno al mondo? Sì e no. Per chi non vede la casa reale inglese come un’icona pop dei nostri tempi, per chi considera la Regina solo un capo di stato, per quelli che non hanno trascorso l’adolescenza a sfogliare giornali di cronaca rosa per leggere della tormentata storia di Diana e Carlo, no. Il Royal Yacht Britannia è solo un panfilo, sicuramente molto bello, parcheggiato nel porto di Leith.
Per gli altri, per quelli come me, questa stupenda nave è un pezzettino di storia, non la storia importante che ha a che vedere con i cambiamenti nel mondo, le guerre, le prese di potere, i cambi epocali; ma la storia piccola, personale, che parla di cene in famiglia consumate davanti alla televisione, di carta ruvida sfogliata sulla moquette, di bamboline pop acquistate nei negozi di souvenir di Londra.
La visita è piuttosto lunga, soprattutto seguendo il percorso e il racconto dell’audioguida e vale la pena considerare almeno due ore per un tour abbastanza affrettato.
All’interno del panfilo è presente una tearoom (dove non siamo riusciti a entrare perché chiude alle 16.00) e un gift-shop che vende di tutto.
L’ingresso del Britannia, che per la cronaca rimane, comunque, una delle attrazioni più visitate della Gran Bretagna, si trova all’interno dell’enorme centro commerciale Ocean Terminal.
Orari e costi:
Da Gennaio a Marzo e a Novembre e Dicembre: dalle 10.00 alle 15.30; da Aprile a Settembre dalle 9.30 alle 16.30; Ottobre dalle 9.30 alle 16.00
Costo: £15.50 (bambini dai 5 ai 17 anni: £8.50)

Camera Obscura Museum
Camera Obscura - Edimburgo
Aperto fino alle 22, questo museo merita senz’altro una visita soprattutto se si viaggia con i bambini. Incentrato sul tema dell’illusione ottica e delle sperimentazioni visive, infatti, nei suoi sei piani espositivi, presenta percorsi interattivi, exhibition e giochi prospettici che sicuramente non mancheranno di incuriosire i più piccoli divertendo anche i grandi.
Assolutamente da provare il labirinto degli specchi, il tunnel del vortice e la stanza delle prospettive falsate.
La visita dura circa un’ora e mezza e può essere abbinata alla visita al castello dal momento che le due strutture sono limitrofe e complementari tra loro.
Orari e costi:
Da Novembre a Marzo: dalle 9.30 alle 19.00 (sino alle 20.00 il Venerdì e il Sabato, alle 21.00 la Domenica); da Aprile a Giungo: dalle 9.30 alle 19.00; Luglio e Agosto: dalle 9.00 alle 22.00; Settembre e Ottobre: 9.30-19.00.
Costo: £15.00 (bambini dai 5 ai 15 anni: £11.00)

Real Mary King Close
Dei sotterranei, dei vicoli e dei fantasmi di Edimburgo ho già parlato qui. Non ci perdo, dunque, altro tempo. Il tour del Real Mary King Close, però, vale la pena per scoprire un pezzetto della storia di Edimburgo raccontata là dove questa si è effettivamente svolta. Un viaggio nel tempo della durata di circa un’ora durante il quale vengono portati alla luce antiche leggende, fatti sepolti, episodi di cronaca locale narrati ripercorrendo, nel vero senso della parola, i luoghi in cui effettivamente si sono svolti e verificati.
Meno terrificante rispetto al Blair Street Tour, qui è possibile comprendere davvero quella che doveva essere stata la vita in città nel XVII secolo, quali le difficoltò, le stranezze, la solidarietà e la perfidia di chi si è trovato a vivere in questo pezzettino di mondo in un’era certo non facile.
Il tour è disponibile in Inglese e Spagnolo.
Orari e costi:
Da Aprile a Ottobre: dal lunedì alla domenica, dalle 10.00 alle 21.00; Novembre: domenica, 9.30-18.30, dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 17.30, venerdì e sabato, 9.30-21.00; da Dicembre a Marzo: dalla domenica a giovedì 10.00-17.00, venerdì e sabato 10.00-21.00.
Costi: £14.95 (bambini dai 5 ai 15 anni: £12.95)

PERCORSI A PIEDI:

Da Leith al Dean Village seguendo Water Leith
Water Leith - EdimburgoLa passeggiata scricchiolante di foglie da Leith al Dean Village è un viaggio spazio-temporale dalla città alla campagna e dal XXI secolo al passato remoto.
Lungo il minuscolo e silenzioso canale che taglia la città, infatti, i rumori urbani, il traffico, i turisti, i richiami inevitabili che rendono unico il vivere cittadino, cessano di colpo e si entra in una dimensione magica, d’altri tempi.
Dean Village - EdimburgoA soli 10 minuti a piedi dalla caotica Princes Street, Dean Village è un luogo unico che sembra uscito da un racconto di Charles Dickens o da un romanzo di Emily Dickinson. Con i suoi palazzi in pietra grigia, le stradine acciottolate, i mulini lungo il canale, il curatissimo cimitero e il silenzio irreale che lo pervade, Dean Village è un non-luogo in un non-spazio.
Attraversandolo si ha la sensazione di non essere dove si è e di non appartenere all’epoca a cui si appartiene. Non c’è nulla qui. Non ci sono bar, caffè, ristoranti… C’è solo un irreale immobilismo, una innaturale quiete. Persino i turisti passeggiano silenziosi e composti dentro questo quadro impressionista a tre dimensioni.
Merita una visita il cimitero, non più silenzioso e sacrale di ciò che lo circonda.
E merita il cammino lungo il Leith, per sentirsi totalmente avvolti da una natura che qui non ha davvero nulla di urbano.
Dean Village - EdimburgoDean Village - EdimburgoDean Village Cemetery - Edimburgo

Lungo Royal Mile
Royal Mile - EdimburgoRoyal Mile lo abbiamo percorso tutto, un pomeriggio brumoso e bianco di vento gelido. Dal Castello sino alla Residenza Estiva della Regina (Holyrood Palace) è tutto un susseguirsi di pub storici, sale da te appartate, negozi di tartan, vecchie case in pietra grigia, stretti close che si aprono a destra e a sinistra mostrando scorci inaspettati. Lungo il percorso si incontrano la ST Giles’ Cathedral, il Royal Mile Market, il Social History Museum e, in fondo, praticamente attaccato all’Holyrood Palace, il bruttissimo edificio del nuovo Parlamento scozzese.
La passeggiata è piacevole, non eccessivamente lunga (tra andata e ritorno non ci vuole più di un’ora) e lungo la strada sono innumerevoli le possibilità di sosta per una birra, un tè, un acquisto dell’ultima ora… Vale la pena, perciò, metterla in programma nella giornata di visita alla Città Vecchia.
Royal Mile - Edimburgo

INFORMAZIONI UTILI

Dall’aeroporto:
siamo arrivati a Edimburgo con volo Ryanair partito da Orio al Serio. Il volo dura circa due ore e trenta e all’arrivo in Scozia si guadagna un’ora.
Dall’aeroporto al centro città (tutti i quartieri), a parte i taxi, esistono comodi collegamenti via bus (AirLink) o via treno. Il costo del biglietto per l’autobus è di 7,50£ e la durata del tragitto di circa un’ora a seconda della zona.
EdimburgoDormire a Leith:
Edimburgo è piuttosto cara e dormire in centro è decisamente oneroso. Noi abbiamo optato per un appartamento a Leith prenotato tramite Booking: Great Junction Street.
Leith è un quartiere poco turistico a ridosso del mare a circa un’ora di cammino dal centro città. La passeggiata lungo lo Shore merita senz’altro, così come una cena in uno dei ristoranti sul lungofiume (per altro, tra i migliori della città per chi desidera gustare pesce e specialità di mare).
La principale attrazione di Leith è il Britannia, il panfilo reale ora in pensione, ormeggiato nel porto di Edimburgo.
Ocean Terminal è il centro commerciale più grande della città ed è il punto di ingresso per visitare il Royal Yacht.

Shopping a Edimburgo:

  • Tartan e kilt:
    I negozi turistici lungo Royal Mile Tartan Weaving Mill - 555 Castlehill | Royal Mile, Edimburgo offrono un’ampia scelta di abiti e accessori tra cui scegliere. La qualità non è uguale ovunque. Tra i negozi di souvenir, si nascondo, infatti, vere e proprie boutique dove giacche, maglioni, sciarpe e cappelli costano anche diverse centinaia di sterline.
    Ovviamente, migliore è la lana e migliori sono le finiture.
    Noi abbiamo acquistato gonne, cappelli e sciarpe a Tartan Weaving Mill, un enorme negozio a due passi dal Castello dove si trova veramente di tutto e la qualità è piuttosto buona. Al piano inferiore, inoltre, è possibile osservare i grandi macchinari tessili impiegati nella filatura e nella produzione del tessuto all’opera.
  • Anthropologie
    (39 – 41 George St, Edinburgh):
    dal mio prAnthropologie - 39 - 41 George St, Edinburghimo viaggio a Chicago nel 2007 quando per caso vi sono incappata, Anthropologie è per me una tappa fissa in ogni mio tour in paesi anglofoni. Qui mi piace tutto: la collezioni di abiti proposti, l’area SALE presente tutto l’anno con un’enorme scelta di capi, il concept del negozio, gli oggetti per la casa, la zona dei libri e dei quaderni, il profumo delle candele e dei saponi, il pavimento in legno grezzo, i camerini super spaziosi, la carta velina in cui avvolgono i vestiti acquistati… Una perfetta esemplificazione di ciò che intendo per shopping experience soddisfacente che ha stravolto il mio modo di immaginare “un negozio bello”.
    (E per inciso: la foto del divano che da sempre uso come cover del mio blog è stata scattata all’interno del negozio Anthropologie di Santa Monica a Los Angeles).
  • Cath Kidston
    (58 George St, Edinburgh):
    Cath Kidston l’ho scoperto a Heathrow mentre aspettavo la coincidenza da Roma per Pechino e ha fatto in fretta a diventare una tappa fissa dei miei viaggi in terra britannica. Qui il focus è sugli accessori (borse, portafogli, portadocumenti, quaderni, penne, astucci, matite…) e sul tessile. Le stoffe fiorate, quelle con i soldati della Guardia Reale Inglese, i topolini e i coniglietti sono semplicemente meravigliose. Meravigliosi anche gli abiti per bambine, il packaging delle creme per le mani, i barattolini dei burrocacao, le lunchbox per la scuola… Ogni volta comprerei di tutto. Ogni volta torno a casa e ho il terrore a usare ciò che ho acquistato perché non posso sapere quando e se mai tornerò nel Regno Unito.
  • Royal Mile Market
    (175 The Royal Mile, Edinburgh):
    Royal Mile Market - EdinbourghCollocato all’interno della storica Tron “Kirk” risalente al XVII secolo, il Royal Mile Market è un mercatino tradizionale di prodotti e artigianato scozzese. VI si trova di tutto un po’, ma i prodotti più interessanti sono i manufatti artigianali in feltro e stoffa. Qui abbiamo acquistato il folletto protettore che ora dorme anche al letto di C. per proteggerla dai mostri cattivi.
    Vale una visita anche per la sua storica collocazione, per ripararsi dalla pioggia quando questa arriva improvvisa lungo Royal Mile e per scoprire come tutto possa diventare qualcos’altro.
    Royal Mile Market - Edinbourgh

Leggi anche:
Edimburgo: la città sotterranea dei fantasmi e delle streghe
Haggis, scotch eggs e afternoon tea. Ovvero, dove mangiare a Edimburgo

 

3 thoughts on “227 – Ultime da Edimburgo. E dopo è Natale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...