196 – Shanghai è (anche) Pudong

Hongquiao - ShanghaiLa prima cosa che noto di Shanghai alla stazione ferroviaria Hongqiao dove arrivano e partono i treni super veloci da e per Pechino è la grandissima confusione che la caratterizza e che parla dell’oltre miliardo di persone che popolano la Cina.
Molto più che a Pechino, infatti, Shanghai, si percepisce la sensazione della folla, dell’immenso, del caos. La stazione di Honggiao è infinita, al punto che a un certo punto ho la sensazione di trovarmi di fronte a uno specchio che deforma la profondità dell’ambiente. C’è gente ovunque, caldo nonostante l’aria condizionata e un continuo scorrermi intorno di vita e di storie.
La stessa confusione in movimento, che sarà una costante di tutti i miei giorni qui, la percepisco quando, la sera stessa dell’arrivo, prendiamo la metropolitana per andare a Pudong.
ShanghaiLa seconda cosa che mi colpisce attraversandola in taxi sino al nostro hotel (Shanghai Narada Boutique Hotel. Recensione su Tripadvisor), oltre al traffico, sono le cabine telefoniche rosse simili a quelle di Londra in cui spicca, in caratteri occidentali, la scritta Wi-Fi.

Il terzo ricordo che mi porterò dietro è lo scintillio dei grattacieli di Pudong quando, ormai dopo il tramonto, ci infiliamo nel caldo asfissiante e appiccicoso della città per trascorrere proprio a Pudong la nostra prima sera.
L’Oriental Pearl TV Tower scintilla di rosa e di blu. Lo Shanghai World Financial Center,conosciuto anche come il Cavatappi per la sua forma che ricorda proprio quella di un apribottiglie, è acceso di azzurro. La Shanghai Tower, che vista da sotto appare come un gigante infinito a sfidare qualsiasi piccolezza umana, presenta per tutta la sua altezza una scritta in caratteri cinesi verde e gialla che la illumina a intermittenza e la fa apparire ancora più alta. È illuminata la Jinmao Tower che sulla guida viene descritta come una pagoda ribaltata ma che a me ricorda molto di più la corona di una regina nelle favole dei bambini. E sono illuminati tutti i grattacieli del distretto e quelli aldilà del fiume.
Come tutte le grandi città del futuro, la notte di Shanghai è accesa e scintillante. Con la variante del colore che qui come a Hong Kong contraddistingue lo skyline e lo rende unico.
Oriental Pearl TV Tower - Shanghai Pudong dal Bund - Shanghai Pudong è la vera ragione per cui Shanghai è entrata a far parte a un certo punto nel novero delle città che, prima o poi, avrei dovuto assolutamente vedere. Nel film Her – una storia fantascientifica sicuramente non memorabile ma degna di nota per la fotografia e le la scenografia – appare nelle scene finali. Ai tempi non l’avevo riconosciuta ed ero andata a cercare dove il film fosse stato girato. È andata così che ho scoperto dell’incredibile architettura della città, con quelle passerelle sospese che collegano i grattacieli. Le scale, le scale mobili, le piazze che si creano tra un grattacielo e l’altro, la convivenza di livelli diversi.
È andata così che già sapevo, in cuor mio, che non mi avrebbe deluso.
E così è stato.

Shanghai è una città del futuro. Con tutte le sue contraddizioni, il caos, il clima terrificante (anche se noi abbiamo sempre trovato il cielo blu e aperto, immenso sopra di noi), la mancanza di una storia che possa dirsi tale (nata come porto commerciale a metà del XIX secolo, ha uno sviluppo costante per tutto l’Ottocento e gli inizi del Novecento, sino a trasformarsi nella megalopoli che è adesso dopo la seconda metà del XX secolo. Lo sviluppo di Pudong è ancora più recente e risale alla fine degli Anni Novanta con un’impennata a partire dal 2000), la povertà e l’arretratezza dei quartieri non centrali.
Shanghai è il tipo di città che io amo. Bella nella sua bruttezza, affascinante nel suo non darsi mai completamente. Una città da scovare e scoprire.

A Pudong i turisti sono sempre di passaggio, toccata, fuga e via. Io, invece, ci sono tornata tre volte.
La prima volta, la prima sera appunto, a cena al 100 Century del Park Hyatt al 91° piano dello Shanghai World Financial Center, per farmi da subito un’idea dell’alto della città (qualità del cibo nella norma, buoni i cocktail, alto il prezzo ma abbiamo risparmiato sui biglietti di ingresso per la terrazza panoramica); la seconda volta sono tornata per salire sulla Shanghai Tower, secondo in altezza solo al grattacielo di Dubai (con 160 CNY si sale fino al 120° piano con l’ascensore più veloce al mondo – 18 metri/secondo – per godere un panorama a 360° sulla città); la terza volta, più per caso che per scelta, eravamo sul Bund – il waterfront di Shanghai e una delle vie più note della città, frequentata sia dai locali che dai turisti – a guardare lo spettacolo delle luci di Pudong che si accendono, e abbiamo deciso di attraversare il fiume con il Bund Sightseen Tunnel per regalare a Costanza una corsa sotto al livello del mare.
Abbiamo così preso la cabina teleferica che per 50 CNY attraversa il canale fino alla base della torre della televisione e, una volta a Pudong, abbiamo optato per una cena a base di hot pot di pollo cotto in brodo di latte di cocco e spezie in uno degli innumerevoli ristoranti situati all’interno di un centro commerciale (come a Tokyo, anche a Shanghai e Pechino i mall sono spesso la sede preferenziale per ristoranti di livello che offrono una cucina particolare diversa dalle solite proposte).

Overview dalla Shanghai Tower - ShanghaiBund Sightseen Tunnel - ShanghaiNon sono, invece, entrata nei centri commerciali se non, appunto, per mangiare o per passare da una passerella all’altra (ce ne sono alcuni, però, architettonicamente interessanti e con negozi che, forse, avendo più tempo, meriterebbero un giro) e non ho avuto il tempo di visitare alcune delle princiipali attrazioni turistiche della zona (lo Shanghai Ocean Aquarium, visibile dall’alto di una delle passerelle sospese; il Museo Storico di Shanghai all’interno dell’Oriental Pearl TV Tower e il China Art Museum collocato in un edificio a forma piramidale che, se solo avessi avuto un giorno in più, mi sarebbe piaciuto vedere).
Centri commerciali a Pudong - Shanghai

Pudong si raggiunge facilmente in metropolitana (Linea Verde) al costo di 3 CNY. Con i traghetti che partono dal Bund e arrivano, più o meno, all’altezza della Shanghai Tower (non li abbiamo mai presi, quindi non so quale sia il costo). Con il Bund Sightseen Tunnel che attraversa il canale dal Bund (all’altezza di Nanijing Road) alla zona intorno alla torre della televisione (costo 50 CNY) e in taxi (una corsa serale dalla zona dei grattacieli al centro città costa circa 20 CNY).

Alcune considerazioni pratiche:
– la terrazza panoramica della Shanghai Tower chiude alle 21.00 (ecco un altro motivo per cui la prima sera abbiamo optato per il ristorante dello SWFC). I grattacieli si spengono alle 22.00. La metropolitana chiude alle 23.00.
– Se decidete di andare o tornare con il taxi, informatevi prima sul prezzo della corsa (quasi tutti i taxi che ho preso in queste due settimane erano dotati di tassametro. A differenza di quanto avviene a Milano, poi, il tassametro parte dal momento in cui si sale in macchina e non arriva con una tariffa già impostata. Per le corse notturne, però, alcuni tassisti chiedono un forfait e non usano il tassametro. Meglio sapere prima quanto si spende e in caso di una richiesta eccessiva, contrattare).

Altri post sul mio viaggio in Cina:
– E dalla Cina, due ricette da rifare in casa
La cucina cinese in 6 tappe gastronomiche
– Passeggiando da Xîntiândì a Tiánzîfáng
Dell’anatra alla pechinese e di altre specialità di Beijing
L’odore di Beijing
Come ottenere un visto per la Cina

6 thoughts on “196 – Shanghai è (anche) Pudong

  1. Pingback: 195 – Dell’anatra alla pechinese e di altre specialità di Beijing | Alessia1974Cose

  2. Pingback: 194 – L’odore di Beijing | Alessia1974Cose

  3. Pingback: 193 – Come ottenere un visto per la Cina (con un bambino al seguito) | Alessia1974Cose

  4. Pingback: 197 – Passeggiando da Xîntiândì a Tiánzîfáng | Alessia1974Cose

  5. Pingback: 198 – La cucina cinese in 6 tappe (e una ricetta) | Alessia1974Cose

  6. Pingback: 199 – E dalla Cina, due ricette da rifare a casa | Alessia1974Cose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...