193 – Come ottenere un visto per la Cina (con un bambino al seguito)

Come ottenere il visto per la Cina con un bambinoMeno due. Lascio Ghost Town rinfrescata dai temporali notturni, l’estate assurda, questo anno indefinibile, la Torre, il lavoro…
Meno due. Quando torno sarà quasi settembre. Autunno.
Un nuovo anno.
Non ci penso. Non ci voglio pensare. Me lo impongo in modo categorico.

L’estate 2016 è Cina.
Senza nessun motivo reale.
Cina dell’ultima ora. Cina senza grossi spostamenti. Cina senza alcuna aspettativa.
Avrei voluto andare in Thailandia, Vietnam, Cambogia, Bolivia, Cile, Islanda, Madagascar, Sud Africa, Russia. Vado in Cina. Dove, invece, non pensavo di volere andare.
PechinoShanghai e due giorni tutti per la minuscola C. Che affronta il suo quarto viaggio intercontinentale in tre anni e mezzo.
Una piccola viaggiatrice. Una grandissima capacità di adattamento. Una nonchalance ad affrontare i cambiamenti, gli imprevisti e gli estremi.

L’estate 2016, alla fine, oltre a Ghost Town, la Torre, le cose nuove, il lavoro, i nuovi mondi, le prospettive, le paure, le domande, i dubbi, le messe in discussione… è anche Cina.
Il viaggio in Cina non inizia quando si compra la guida, come tutti i viaggi.
Inizia quando si ottiene il visto, come pochi viaggi che ho fatto, direi nessuno.

Ottenere il visto per la Cina, sulla carta, non è particolarmente complesso:
viene rilasciato in 4 giorni lavorativi contando anche il giorno della consegna dei documenti e 2 giorni per le urgenze.
Sul suo blog Ilaria va Fuori, che ho letto per arrivare preparata agli sportelli, la mia amica Ilaria spiega per filo e per segno tutti i documenti necessari per farne richiesta (qui il post). Completo solo la sua descrizione aggiungendo la documentazione necessaria per i minori e che a noi ha causato non pochi problemi (a causa di un disservizio del Comune di Milano che per oltre una settimana non era in grado di rilasciare gli estratti di nascita per un guasto ai terminali).

DOCUMENTI NECESSARI PER IL VISTO TURISTICO (GRUPPO L)
Visto gruppo L - Visto turistico per la Cina
In Cina esistono diversi tipo di visto. Se si viaggia per turismo occorre richiedere il visto del gruppo L.
Viene rilasciato previa presentazione e accettazione da parte del console di tutta la documentazione a chiunque ne faccia richiesta e ha una validità di 30 giorni dal momento in cui si mette piede sul territorio cinese.
Per ottenerlo occorre avere:

  • Il passaporto valido per almeno sei mesi dal momento della richiesta e con due pagine libere consecutive.
  • Il modulo compilato in tutte le sue parti scaricabile online direttamente dal sito del CVASC (China Visa Application Service Center).
  • Una fototessera recente in formato 48x33mm.
  • La fotocopia del biglietto aereo con le date di andata e ritorno.
  • Una lettera di invito rilasciata in Cina da un ente competente o da una persona fisica. Qualora non fosse possibile fornirla, questo tipo di documentazione è sostituibile con le stampate di tutte le prenotazioni degli hotel fatte durante il proprio periodo di permanenza.

Come ottenere il visto per i minori
I minori hanno gli stessi obblighi degli adulti e devono fornire la medesima documentazio. Nello specifico:

  • il passaporto del minore in corso di validità per almeno sei mesi dalla data di richiesta del visto dotato di due pagine bianche consecutive
  • Una fototessera in formato 48×33
  • Il modulo compilato da uno dei due genitori.
  • Se la richiesta del visto viene presentata in concomitanza con quella dei genitori è sufficiente una sola copia, per tutta la famiglia, dei biglietti aerei e delle prenotazioni delle strutture ricettive (è necessario dimostrare, però, che effettivamente tutte le prenotazioni sono riferite al numero di persone per le quali si sta richiedendo il visto).

Oltre a questi documenti, per i minori è necessario presentare

  • un estratto di nascita rilasciato dal proprio Comune di residenza legalizzato dalla Prefettura

La legalizzazione dei documenti spetta alla Prefettura (non alla Questura come credevo io erroneamente).
A Milano viene effettuata in un ufficio situato in via Servio Tullio 4.
Con una procedura ordinaria occorrono due giorni per ottenerla (uno per la consegna e uno per il ritiro) e l’appuntamento per la consegna deve essere prenotato online (qui tutti i dettagli).
E’ possibile richiedere l’urgenza (che va comunque prenotata) e che consente il rilascio della documentazione in giornata.
L’ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00.

PROCEDURA DI RITIRO E COSTI
Se tutta la documentazione è a posto (controllate di avere tutto, che il modulo sia compilato in ogni sua parte, che non ci siano incongruenze…), per ottenere il visto, sono sufficienti, come dicevamo sopra, 4 giorni lavorativi per la procedura ordinaria e 2 per quella urgente (in questo caso, però, dovrete compilare un modulo diverso che troverete on line sul sito www.visachina.org).
Alla consegna vi viene rilasciata una ricevuta che va presentata al momento del ritiro insieme al codice fiscale (o alla tessera sanitaria).
Il pagamento può essere effettuato in contanti, con carta di credito o bancomat.
Noi per tre visti abbiamo speso 312€.

DOVE FARE RICHIESTA DEL VISTO
Per ottenere il visto è necessario rivolgersi al Chinese Visa Application Service Center. In Italia è presente con due sedi:

  • MILANO – Via Confalonieri 29. Tel. 02-83201385 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 15.00)
  • ROMAViale Regina Margherita 279. Tel. 06-44250240 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 15.00).

Per chi non avesse modo di recarsi presso uno di questi centri, l’alternativa è rivolgersi a un’agenzia specializzata (probabilmente con un costo maggiorato rispetto a quelli previsti).

Altri post sul mio viaggio in Cina
– E dalla Cina, due ricette da rifare in casa
La cucina cinese in 6 tappe gastronomiche
– Passeggiando da Xîntiândì a Tiánzîfáng
Shanghai è (anche) Pudong
Dell’anatra alla pechinese e di altre specialità di Beijing
L’odore di Beijing

6 thoughts on “193 – Come ottenere un visto per la Cina (con un bambino al seguito)

  1. Pingback: 194 – L’odore di Beijing | Alessia1974Cose

  2. Pingback: 195 – Dell’anatra alla pechinese e di altre specialità di Beijing | Alessia1974Cose

  3. Pingback: 196 – Shanghai è (anche) Pudong | Alessia1974Cose

  4. Pingback: 197 – Passeggiando da Xîntiândì a Tiánzîfáng | Alessia1974Cose

  5. Pingback: 198 – La cucina cinese in 6 tappe (e una ricetta) | Alessia1974Cose

  6. Pingback: 199 – E dalla Cina, due ricette da rifare a casa | Alessia1974Cose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...