192 – Lost in a Ghost Town

Piazza Gae Aulenti, MilanoTorno. Dopo aver annaspato per un un mese e oltre. E’ stata un’estate faticosa. Sì. Credo che faticosa sia la parola giusta. Ho lavorato una media di 12 ore al giorno. Il massimo che sono riuscita a concedermi tornando a casa la sera è stato sdraiarmi sul letto e dormire.
Così niente mostra di Esher, niente piccoli locali da scoprire, niente cinema all’aperto, film da vedere, libri da leggere.
Sono rimasta chiusa in una specie di bolla, segmenti di pochi chilometri da casa all’ufficio e viceversa che ho vissuto come la mia persona ora d’aria.
E’ stato un luglio faticoso.
Il mondo ha passeggiato accanto alla mia vita ma né io né lei ce ne siamo rese conto.

Poi è arrivato agosto. A tradimento. Strisciando in questa strana estate non troppo calda, non troppo piovosa, non troppo gialla. Fatta di temporali tropicali notturni, cieli bassi e gialli. A volte. Ma anche alti e celesti, nuvole bianche. Un vento leggero.
Agosto è arrivato bianco e mi ci sono risvegliata dentro con gli occhi finalmente aperti.
La città si è svuotata. La Torre si è svuotata. Il tragitto casa-ufficio / ufficio-casa si è svuotato.
E la mia vita è tornata a riempirsi.

Via Carducci - MilanoA Milano ad agosto io non ci ero mai stata. Nell’assurdità di questa strana estate, anche le vacanze sono arrivate all’improvviso. Senza preavviso. Senza programmazione. Posticipate di due settimane rispetto ai miei standard. E, attualmente, non ancora definitivamente certe (dovremmo partire per la Cina sabato. Ma attualmente ancora non abbiamo il visto).
Io ho cercato vie di fuga. Fuggire da me stessa, dalla me stessa apatica che sentivo di essere diventata, è stato l’imperativo categorico quando ho riaperto gli occhi.
Trovare una scappatoia. Riscoprire, ancora, il piacere di osservare il mondo, di entrarci dentro, di afferrarlo e farlo mio.

Credevo di aver perso completamente la capacità di farlo.
Finché mi sono ritrovata persa nella Milano deserta. Con i suoi cieli neri di temporali violenti. L’azzurro del cielo la mattina all’alba. Il vento leggero e fresco. A volte. Spesso. Molto più spesso di quanto io ricordassi in questa stagione.
Milano che ho attraversato per settimane (e forse anche mesi), senza di fatto mai averla vista davvero.
Viale Pasubio, Palazzo Feltrinelli - MIlanoCavalcavia Bussi - MilanoE che ora mi si presenta così. Vuota, abbandonata. Il rumore sordo del silenzio delle macchine assenti. I negozi chiusi. Non tutti. Molti.
La gente che si concentra in centro. Quel centro che non ricordavo più come fosse fatto. E che una sera di solitudine di questo agosto di rinascita mi sono divertita a esplorare in lungo e in largo, semplicemente osservando le persone, il Duomo, corso Vittorio Emanuele, via Dante.

Milano ad agosto è una città meravigliosa. Superba, spettrale, magica.
Ed è stata la magia della riscoperta a far sì che tornassi ad aprire gli occhi, concentrandomi su altro. Sul mondo che mi si espande intorno.
E’ stata la spinta a non fermarmi alle apparenze, a lasciarmi trascinare nella meraviglia delle cose, a ridarmi la dimensione di quello che sono io davvero. Oltre le cose che faccio quotidianamente.

Tra due giorni, forse, prenderò un volo per la Cina.
Ho voglia di andare. Ma non ho più paura di restare. E forse nemmeno di tornare.
Mi guardo indietro. In questa estate strana. Faticosa.
E sono felice, adesso, di averla vissuta. Esattamente così com’è andata.
Ho imparato in un mese quello che forse non avrei imparato in un anno. Di me. Soprattutto di me. E delle mie immense fragilità e debolezze. Ma anche della mia capacità di andare avanti. E, prima o poi, di trovare la forza e la voglia di guardarmi intorno.

One thought on “192 – Lost in a Ghost Town

  1. Pingback: 193 – Come ottenere un visto per la Cina (con un bambino al seguito) | Alessia1974Cose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...