Senza progressione numerica. Tornare.

….. Vuoto. Imbarazzo. Tornare dopo una lunga assenza. Sensazione di smarrimento. Per essermene andata. Per aver abbandonato tutto. Senza salutare. Senza una parola. Come una fuga improvvisa. Non che qualcuno se ne sia accorto. O mi abbia chiesto “ehi, dove sei?” Forse, se mi fosse stato chiesto dov’ero finita, sarei tornata prima. Ma non lo ha fatto nessuno.

Comunque alla fine tornare. Dopo averci pensato a lungo. A tornare. Dopo aver conservato idee e pensieri. E fotografie. E dettagli da ricordare.
Tornare in questa primavera carica di eventi. Fuori e dentro.
Paesaggi urbani che cambiano. Paesaggi dell’anima che si stravolgono.
Tornare. Perché da qualche parte devo pur ricominciare.
E per quelle ore di solitudine, e per quei momenti che vorrei condividere e non c’è nessuno con cui farlo, avere un posto in cui poter dire.
Tornare. E magari tra un po’ andare via di nuovo. Perché non sono costante. Perché oscillo. Come una canna di bambù in una tempesta di vento.

Per ora sono tornata.
Perché non mi importa nulla di essere costante e solida qui. Ci deve essere un posto in cui posso essere solo ciò che voglio.
Un posto qualunque. E questo è perfetto.

2 thoughts on “Senza progressione numerica. Tornare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...