129 – Alla ricerca del tempo perduto

Ritornare alle vecchie passioni. Nonostante la meraviglia che ha fatto irruzione nella mia vita.
Ma io sono io. E ho bisogno di ritrovarmi com’ero. Ho bisogno di sapere se esiste ancora quella persona. E se esiste ancora il mondo dentro al quale ha vissuto per 38 anni.
Perché se siamo la risultante di quello che siamo stati, non si cessa mai di essere se stessi anche quando si cambia.

Madeleine_ricetta_tradizionale
Poi succede che un sabato pomeriggio di gennaio che sembra febbraio, con il cielo azzurro e la sensazione a pelle che l’inverno stia finendo, mi imbatto nelle madeleine. O meglio. Nella possibilità di preparare madeleine. Di riaccendere il forno. Di inondare la casa del profumo buono del burro e dello zucchero.
La trasgressione è tornare al passato. Passa da un impasto profumato e minuscoli dolcetti che si gonfiano al caldo.
Riempiamo stampini ridendo. Non so perché, ma una cosa che fino a qualche mese mi sembrava assolutamente normale, se non banale, assume i connotati della follia.
E come due folli, prepariamo madeleine alla una di notte. Senza pensare “alla ricerca del tempo perduto“. Anche se forse la follia è stata proprio cercare di recuperare il tempo perduto.
Questa è la ricetta che ho utilizzando. Mettendone insieme diverse. Il risultato è stato ottimo.

MINI MADELEINE SECONDO LA RICETTA TRADIZIONALE

Ingredienti per 60 mini madeleine:

125 gr di farina 00
125 gr di zucchero a velo
100 gr di burro
2 uova
5 gr di lievito
Un cucchiaino di aroma di mandorle
Un cucchiaino di sciroppo d’acero
La buccia grattugiata di un limone
Un pizzico di sale

PROCEDIMENTO:
IMG_8142Setacciare la farina e unirla al lievito e a un pizzico di sale.
In una ciotola, sbattere le uova con lo zucchero fino a che avranno raddoppiato il loro volume iniziale e, continuando a mescolare, unire il burro, l’aroma di mandorle, lo sciroppo d’acero e le farine mescolate. Completare l’impasto, che dovrà essere liscio e spumoso, grattugiando la scorza di un limone preferibilmente biologico precedentemente lavato.
Lasciare riposare l’impasto per almeno due ore nel frigo. Quindi, utilizzarlo per riempire l’apposito stampino aiutandosi con una spatola (noi abbiamo usato il tarocco) per lisciarlo.
Cuocere in forno già caldo a 200° per i primi 3 minuti. Abbassare, infine, la temperatura a 180° e proseguire la cottura per i restanti 10 minuti.
Sfornare, lasciare raffreddare e gustare per la merenda del pomeriggio con tè o tisane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...